14590426_1768897586705732_4534544833860325582_nRoma, 12 ott. (askanews) – Il 17 ottobre si batterà il primo ciak del film “La Banda dei Tre” diretto da Francesco Maria Dominedò tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Callegari.

E’ la storia di tre personaggi sopra le righe, grotteschi, ironici ma con un senso dell’amicizia al di fuori del comune: un nano irascibile che di cognome fa Piccolo, dal grilletto facile e con una passione smodata per Pupo e le sue canzoni, un poliziotto infiltrato che di cognome fa Bambola che non ha nemmeno il coraggio di dichiararsi alla donna di cui è innamorato e gioca a fare il duro mascherato da pseudo criminale e Silvano, ex tossicodipendente in perenne crisi mistico religiosa, che per sopravvivere ruba negli appartamenti, salvo lasciare poi dei santini per farsi perdonare del dolore arrecato.

Claudio Bambola è Marco Bocci, Silvano è Francesco Pannofino, Tony Piccolo è Aldo Marinucci e Il Commissario Pasquale Di Gaetano è Carlo Buccirosso. Fanno parte del cast anche : Francesca Flora, Roberta Mattei, Natalia Giro, Paolo Macedonio, Ivan Franek, Mirko Frezza, Giancarlo Lombardi, Federica Martinelli, Grace Hall, Matteo Branciamore, Fabrizio Sabatucci ed Enzo Ghinazzi in arte Pupo.

Claudio Bambola è un agente della narcotici infiltrato a Padova. Dopo due anni di duro lavoro sta per portare a termine una retata di quelle che fanno notizia e che finalmente gli permetterà di cambiare vita. Il sequestro di una partita da venti chili di cocaina purissima. Ma pochi giorni prima della retata s’intromettono i fratelli Makarovic, una gang di mafiosi russi, e tutti i piani saltano. Dopo una sparatoria dove rimarrà ucciso uno dei fratelli. Non potendo chiedere aiuto se non psicologico al suo capo Di Gaetano ,Bambola si vedrà costretto a chiedere aiuto alle stesse persone che prima doveva incastrare, ovverosia il Nano e Silvano. Tra sparatorie e rocamboleschi inseguimenti a bordo di una Sulky fiammante in una Padova notturna ed assurde serate al karaoke, Bambola troverà il tempo anche per innamorarsi di Patrizia, una cameriera dal carattere tutto d’un pezzo, ma che cerca di sfuggire ad una difficile realtà. Costretti da questa strana e insolita alleanza tra Bambola, il Nano e Silvano nascerà una profonda amicizia fatta di rispetto, risate e solidarietà. Un senso di goliardia d’altri tempi che regalerà alla banda dei tre un’umanità che contrasta con il mondo corrotto che li circonda.